Storie di quotidianità

Brindisi alla vita

Storia di vita quotidiana. Di solito quando si parla dei senza fissa dimora, si racconta del loro non avere casa, le difficoltà nel fare una doccia…..le domande più comuni sono: Ma dove dormono? È una scelta stare per strada? Com’è possibile ridursi in questo modo? Oggi vi racconto del dopo, quel dopo che tocca a tutti senza distinzione. Per i credenti è il viaggio di ritorno alla casa del Padre, poi ognuno creda quel che più lo rasserena. Gian Franco è partito per questo viaggio 3 anni fa’, ci auguriamo che abbia trovato quel che cercava. Una parte di lui giace al cimitero di Belforte nel campo comune. Tante tombe tutte ancora più tristi, persone che hanno intrapreso l’ultimo viaggio salutate da qualche amico o parente, ma lasciate lì in quel luogo desolante. Tutti uguali, tutti o quasi con ancora il cumulo di terra che indica la sepoltura. Con Giovanni un giorno abbiamo deciso che GianFranco dovesse avere un pochino di più. Giovanni ha pensato con del legno a delimitare la sua “panchina” 2 amici di GianFranco Bruno e Fabrizio un po’ di manodopera…..insieme abbiamo regalato una “panchina” dignitosa per il suo soggiorno infinito. Il prossimamente pianteremo un alberello che gli faccia un pochino d’ombra.

Sarebbe bello farlo per tutte le altre tombe…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.